«

»

Stampa Articolo

Quantità di Nichel negli Alimenti

Conoscere la quantità di nichel negli alimenti è da considerarsi fondamentale per persone affette da SNAS o patologie nichel correlate.

Il nichel è presente negli organismi viventi perché sia i vegetali che gli animali assumono il loro nutrimento dal suolo e dall’acqua.

Il contenuto di nichel nel suolo (5-500 mg/kg) e nell’acqua (0,005-0,1 mg/l) è molto variabile da luogo a luogo in funzione del tipo di terreno, dell’impiego di fertilizzanti sintetici e pesticidi, della contaminazione del suolo con rifiuti industriali e urbani, della distanza dalle fonderie di nichel.

Il contenuto di nichel nei tessuti vegetali varia da 0.5 mg/kg a 5 mg/kg (ma può essere più elevata a livello locale) mentre negli animali varia da 0.1 mg/kg a 5 mg/kg.

Mediamente la quantità di nichel nei tessuti vegetali è quattro volte superiore a quella presente nei prodotti animali (carne, latte e derivati, uova), inoltre la concentrazione di nichel nei vegetali è maggiore in primavera e autunno mentre dimezza durante l’estate.

La quantità di nichel negli alimenti è quindi variabile, per questo si trovano discordanze tra i vari elenchi di alimenti ad alto contenuto di nichel. Si passa infatti da elenchi ridotti degli anni ‘80 e ‘90 (come quello pubblicato della Swedish Food Administration che ha posto la soglia a >0,5 mg/kg ) ad elenchi decisamente più ampi negli anni recenti ed in particolari nelle fonti italiane (nello studio di Schiavino et al. del 2006 la soglia è stata posta a 0,03 mg/kg).
Con una soglia bassa diventano molti gli alimenti considerati ad alto contenuto di nichel. Sono di fatto compresi l’uva passa, le carote, le albicocche, i fichi, i funghi, le pere e i pomodori. La quantità di nichel negli alimenti sopra riportati non è superiore a 0,1 mg/Kg e, di conseguenza, non sono presenti (come molti altri alimenti) negli elenchi più restrittivi.
Nella revisione di Falagiani, Schiavino e al. del 2008 gli alimenti ad alto contenuto diventano solamente arachidi, avena, cacao e cioccolato, pomodoro concentrato, lenticchie, mandorle, noci e nocciole, poichè la quantità di nichel negli alimenti sopra citati è superiore alle soglia definita come >1,0 mg/Kg.

Per alcuni alimenti c’è comunque accordo pressoché unanime a prescindere dal contenuto di nichel nel suolo in cui sono coltivati.

Arachidi, fagioli, lenticchie, piselli, soia, avena, cacao (e cioccolato), noci e nocciole, frumento intero sono considetati alimenti ad alto contenuto di nichel.

La quantità di nichel negli alimenti precedentemente riportati li rende inadatti a chi è affetto da SNAS e a chi deve evitare il nichel.

Inoltre sono da evitare tutti i cibi in scatola causa potenziali contaminazioni dell’alimento da parte del recipiente.

 

Di seguito è riportata la quantità di nichel negli alimenti di maggior consumo:

Cereali (0,35-0,45 mg/kg)

mg/kg
Grano intero (farina di) 0,2
Mais (farina di) 0,4

Carne (tracce)

mg/kg
Coniglio 0,05-0,12

Pesce

mg/kg
Cozze 2,00-2,50
Ostriche 0,6

Verdura

mg/kg
Asparagi 0,4
Broccoli 0,03
Carote 0,04
Cavoli 0,03-1
Fagioli 1,4
Funghi 0,02-3
Lattuga 0,3
Legumi  1,20-2,10
Lenticchie 1,9
Piselli 0,3
Pomodori  0,09
Spinaci 0,2

Frutta (0,07-0,75 mg/kg)

mg/kg
Pere 0,1
Uva 0,1

Latticini

mg/L
Latte di bufala 0,04-0,15
Latte di capra 0,10-2,30
Latte di donna tracce-0,60
Latte di vacca 0,01-0,02

Bevande

mg/L
Acqua minerale tracce
Birra 0,01-0,05
The 0,03-1
Vino tracce-0,40

Altro

mg/kg
Arachidi 2,9
Cacao 10
Liquirizia 4,4
Margarina 0,2-4
Nocciole 1,5
Tuorlo d’uovo tracce-0,45
Uova di gallina 0,03

 

 Per una lista più completa: Quantità di nichel negli alimenti

 Chi desidera scaricare il foglio di calcolo che permette di scoprire in modo automatico la quantità di di nichel giornaliera assunta in base al peso in grammi di ogni alimento faccia click qui.



Articoli Correlati:

Permalink link a questo articolo: http://www.allergie-intolleranze.it/nichel-negli-alimenti.html